Formuala 1   Home     Formula 1    News     Coppa Selva di Fasano     Competizioni    |  FOTO     |  VIDEO    |  Newsletter  | 
  Formula 1 - Grand Prix

Automania.it

Calendario circuiti Formula 1 - 2019

GP Australia
AUS
GP Bahrain
BAH
GP Cina
CHN
GP Europa
EUR
GP Spagna
ESP
GP Monaco
MON
GP Canada
CAN
GP Francia
FRA
GP Austria
AUS
GP Gran Bretagna
GBR
GP Germania
GER
GP Ungheria
HUN
GP Belgio
BEL
GP Italia
ITA
GP Singapore
SIN
GP Russia
RUS
GP Giappone
JAP
GP Messico
MEX
GP USA
USA
GP Brasile
BRA
GP EAU
EAU

Circuiti F1 - Bahrain Grand Prix

Il circuito Internazionale del Bahrain è un magnifico complesso costruito nel 2004, che si presenta agli occhi del visitatore come un innaturale elemento tecnologico circondato dal nulla delle sabbie desertiche. L'impianto, realizzato dall’architetto tedesco Hermann Tilke, ideatore anche del circuito di Sepang in Malesia, è situato a Sakhir, a 30 km dalla capitale Manama e a pochi chilometri dal mare, e si sviluppa per 6,200 km . Il circuito è stato costruito per soddisfare le esigenze degli spettatori: le tribune, che permettono fino a 50.000 posti, offrono una vista eccellente sul tracciato.

Data la sua posizione geografica, la pista presenta due grosse problematiche: il clima caldo e secco, con una temperatura ambiente che raggiunge valori di 30° e la presenza di sabbia, che può rendere l’asfalto scivoloso e abrasivo. Gli organizzatori hanno risolto il problema della sabbia trattando l'area con uno speciale spray adesivo.

Bahrain Grand Prix La pista, molto larga con grandi vie di fuga, presenta un andamento lineare con alcuni spettacolari saliscendi. Il tracciato è caratterizzato da forti accelerazioni e brusche frenate. Una serie di curve medio-veloci, intervallate da due violente staccate, sono raccordate da quattro rettilinei, che per essere affrontati necessitano di un minore carico aerodinamico rispetto a Melbourne o a Sepang. Il minore grip crea però problemi di bilanciamento lungo le sezioni tortuose, dove la guidabilità della macchina è caratterizzata dal sovrasterzo.

I piloti, possono sfruttare per le manovre di sorpasso i rettilinei ed in particolare il lungo rettifilo dei box che misura circa un km di lunghezza. Una delle curve più critiche è la n.1, dove le monoposto arrivano a una violenta staccata passando dalla velocità massima alla prima marcia. Altri punti caldi sono le velocissime curve 5-6-7 e le curve finali.

E’una pista stop-and-go, abbastanza veloce e poco monotona, simile a quella di Montreal, dove gli impianti frenanti sono sottoposti a grandi sollecitazioni.

Il GP del Bahrein si rivela molto impegnativo per i piloti sotto l'aspetto fisico, chiamati a compiere i 49 giri di pista, per una lunghezza totale di 308 km, con 23 curve, più i rettilinei,secondo le modifiche effettuate durante il 2009, tra le difficili condizioni ambientali del deserto.

News Formula 1 e Rally
Dakar 2020: vince la coppia Sainz-Cruz » Dakar 2020: vince la coppia Sainz-Cruz
Il vincitore della scorsa edizione Al-Attiyah chiude in seconda posizione
Dakar 2020: muore la leggenda Goncalves » Dakar 2020: muore la leggenda Goncalves
Il pilota ha perso la vita durante la settima tappa
Dakar 2020: il punto della situazione » Dakar 2020: il punto della situazione
Brabec consolida il primato in classifica. Ottima prova per l´esordiente Fernando Alonso
Dakar 2020: Rally Raid in Arabia Saudita pronti al via » Dakar 2020: Rally Raid in Arabia Saudita pronti al via
Tappe, Piloti emergenti e italiani. In gara 114 Bike, 23 Quads, 83 auto, 46 camion e 45 SSV

Newsletter

Iscriviti alla Mailing List di Automania®

[ Info Newsletter» ]

3Wcom Web Agency